Opening Mantra

Il mantra iniziale dell’ashtanga yoga è un ringraziamento a tutti i maestri che hanno portato l’eredità dell’ashtanga fino ai giorni nostri, fedeli alla tradizione di questa disciplina trasmessa da maestro a allievo nel corso dei secoli, rendendola viva e donandola a tutti coloro che se ne accostano. Recitare questo mantra contribuisce a innalzare l’energia dell’ambiente dove si pratica, a preparare la mente, il corpo e lo stato emotivo per la pratica stessa.
opening mantra ashtanga-sansaba opening mantra ashtanga-sansaba
Om Vande Gurunam Charanaravinde Sandarshita Svatma Sukava Bodhe Nih Sreyase Jangalikayamane Samsara Halahala Mohashantyai Abahu Purushakaram Shankhacakrsi Dharinam Sahasra Sirasam Svetam Pranamami Patanjalim Om
Mi inchino ed onoro i piedi di Loto del Maestro supremo che insegna il giusto sapere, mostrando la via per giungere a conoscere la grande gioia del risveglio del Sé; Egli è il guaritore della giungla, conosce come sconfiggere il veleno dell’ignoranza di un’esistenza condizionata. A Patanjali, un’incarnazione di Adisesa, di colore bianco dalle mille teste sfolgoranti (in forma di serpente divino Ananta) e di aspetto umano al di sotto delle spalle e impugna una spada (discriminazione) una ruota di fuoco (un disco di luce che rappresenta il tempo infinito) e una conchiglia (suono divino) – a Lui, io mi inchino.